Discussione:
Sud Sudan Explorer
(troppo vecchio per rispondere)
Max max
2015-05-15 05:17:24 UTC
Permalink
Raw Message
-- Il 30 aprile partiamo per Dubai dove pernottiamo. Riposati
ripartiamo la mattina dopo per Port Sudan. Voli tranquilli,
nessun problema.
La maggioranza dei partecipanti alla speciale crociera di due
settimane che raggiungerà il profondo sud sudanese sono compagni
di precedenti crociere.
Arriviamo in barca verso le 15 e troviamo le due ottime guide
Sergio Anderson e Hamam nonchè Massimo Bicciato della Compagnia
del Mar Rosso già in Sudan da una settimana.
Cominciamo a familiarizzare con la barca purtroppo diversa da
quella promessa a causa di un inconveniente in Egitto.

Fortunatamente il capitano e parte dell'equipaggio sono gli
stessi, quindi ottimo equipaggio.
La Nouran è di costruzione più vecchia con una disposizione degli
spazi diversa da quella a cui siamo abituati.
In particolare le cabine nel ponte inferiore sono divise in zone
con scale di acceso separate e la divisione degli spazi
pregiudica un po' le dimensioni delle cabine ed in particolare
dei bagni.
Positiva la presenza del Wi fi anche se la copertura c'è solo
nelle immediate vicinanze del Port Sudan, quindi solo per un paio
di giorni.
La cena è ottima e variata. Il cuoco si dimostrerà valido anche in
seguito, molti buoni piatti a base di pesce fresco ed anche
carpaccio di pesce.
Sistemata l'attrezzatura ed il resto del bagaglio non vediamo
l'ora di immergerci nelle bellissime acque sudanesi.

Il giorno dopo 2 maggio check dive sul pianoro di Sanganeb sud.
Qualche grossa cernia, banchi di carangidi e barracuda. Scendo
senza pesi ed è un piacere fluttuare senza usare il gav.

Dopo un'ora risaliamo e rotta a sud.
Seconda immersione Jumna. Grossi tonni ed una bella parete piena
di vita, in particolare alcionari e grosse spugne rosa a forma di
cuore, Ircinia, con dentro dei piccoli paguri.
Poi rotta verso Hindi Gidir dove ceniamo. Il piccolo isolotto,
più uno scoglio anche se con un bella spiaggetta, è abitato da
una ventina di operai sudanesi venuti a fare manutenzione al
fanale. Visti dal mare sembrano naufraghi. Poi navigazione
notturna verso il confine eritreo.
Domenica 3 maggio ci svegliamo vicino Quab Mium ormeggiati su un
Habili, Mium Seghir.
Ci immergiamo in un tripudio di pesce di ogni specie. Carangidi,
barracuda e tonni in caccia. In parete vengono a salutarci due
grigi poi in profondità parecchi grossi seta. Infine due
martelli.
Seconda immersione Habili Miyum Kebira . Sotto la parete una
spaccatura con dei pinna bianca. Poi grigi e seta. Solo a poco
tempo dal dover tornare sul reef le sentinelle dei martello.
L'altro gruppo vede anche il numeroso banco ma non vicinissimo.

Terza immersione più o meno come la precedente. Terza immersione
molti seta a tutte le profondità.
Pernottamento a Dahrad'Abid.
Lunedì 4 maggio prima immersione Safina Shoal . Banco di martelli
profondo e seta.
Seconda immersione terzo sito, stessi avvistamenti.
Martedì 5 maggio ci svegliamo a Habili Darraka. Prima immersione
punta sud. Diversi squali, pinna bianca, grigi, seta, martello ma
ancora nulla di eclatante. Seconda immersione un martello a 20
metri in parete poi altri squali solitari e tanto pesce. Terza
immersione Dahrad'Abid. Tanti seta, alcionari multicolori fino a
6 metri ed una corona di spine.
Al tramonto decine di rondini di mare vengono a posarsi a prua
della barca senza paura. Bicciato ne approfitta per realizzare
un servizio fotografico ed è letteralmente coperto di uccelli. In
serata grigliata sull'isola, in una pozza vicino la barca
centinaia di lumache di mare. Mercoledi 6 maggio prima
immersione ma solo alla fine dell'aspetto avvistiamo il grosso
banco di martelli stratificato da 20 a 50 metri. La corrente
porta fuori dalla parete e siamo costretti a rientrare mentre i
martelli vanno in senso opposto. Tursiopi a fine immersione.
Seconda immersione qualche martello sparso, la grossa sentinella
e più in là il banco che però intravediamo solo.

Giovedì 7 maggio prima immersione e vediamo subito il banco di
martelli ma ancora non si lasciano avvicinare più di tanto.
Femmine di balestra titano che si apprestano a deporre le uova
con i maschi che sorvegliano l'allestimento dei nidi. Pesci
pulitori in piena attività, lavoratori instancabili. Seconda
immersione con seta. Poi nidi di titano con il balestra che
fatica a tenere a bada i ladri di uova e bei gamberetti negli
anemoni. Terza immersione due grossi seta. Vari nudibranchi.

Venerdì 8 maggio ci svegliamo a Habili Miyum Kebira. Prima
immersione due seta e qualche grigio. Seconda immersione da urlo.
Banco di martelli che ci gira intorno, poi carosello di grigi
sul pianoro, un seta che passa inosservato e tanto tanto pesce
a banchi. Risaliamo soddisfatti ringraziando Sergio.

Terza immersione Ed Domesh Shesh. Ancora un bel banco di martelli
e grossi seta. Tantissimo pesce e belle pareti per cui rimaniamo
anche per il giorno dopo. Sabato 9 maggio prima immersione
soliti seta. Seconda immersione Habili Abu Yassen , il più
piccolo di tre vicino la precedente isoletta. Due seta e un
grigio. Terza immersione Kareem Masamirit. Qualche martello a
venti metri e seta. Domenica 10 maggio prima immersione banco di
martelli fin quasi la superficie che rimangono con noi per oltre
un quarto d'ora, grossi seta ed in superficie dei globicefali.
Seconda immersione l'intero banco dei martelli per una ventina di
minuti e poi tantissimo pesce compresi dei platax curiosi nonché
gli immancabili seta. Considerata la bellezza del sito decidiamo
di rimanere fino alla prima immersione del giorno seguente.
Faccio un'ora di snorkel fino all'isolotto corallino, nessuna
altra presenza umana a giro di orizzonte. Molte aguglie, un
napoleone ed un piccolo seta. Terza immersione ancora qualche
martello e seta. Tantissimi carangidi e una ruota di barracuda
. Il posto, seta affamati permettendo, si presta anche a una
notturna. Notturna con tanto pesce molto scenografica con tanti
crostacei tra cui una aragosta. Lunedì 11 maggio prima
immersione con banco di martelli, seta, in particolare uno
circondato da pesci che si pulivano sulla sua pelle stando
attenti ad evitarne la bocca, pesci pipistrello che si
mettevano in posa e un falso pesce pietra completamente bianco.
Lasciamo a malincuore questo sito meraviglioso. Seconda
immersione Habili Dibsel. Qualche grigio. Terza immersione
Barra Musa Kebir dove passeremo anche la notte. Due tartarughe
ed un pinna bianca. Martedì 12 maggio Protector Reef. Prima
immersione molto pesce: grosse cernie, carangidi e nidi di
balestra titano depredati dai carangidi. In Sudan i balestra
titano sembrano meno aggressivi di quelli egiziani. Seconda
immersione Keary Reef. Qualche martello ed un pinna bianca.
Terza immersione Sha'ab Ambar. Qualche squaletto sul fondo.
Mercoledi 13 maggio prima immersione Pinnacolo. Molto
bella:martelli, grigi, gorgonie rosse e gialle e tanto tanto
pesce. Pareti e cappello del reef stupendi. Seconda
immersione Jumna. Terza immersione Sanganeb. Tantissimo pesce
di ogni tipo con il pianoro brulicante di grosse cernie.
Giovedì 14 maggio prima immersione Sanganeb, tanti pappagalli
giganti. Seconda ed ultima immersione di questa bella
crociera il relitto dell'Umbria che è sempre un piacere
rivedere. Giro speciale interno in quattro grazie a Sergio..
Una nota sulle condizioni meteo marine che sono sempre state
perfette con mare calmo e solo poco mosso l'ultimo giorno.
Venerdì 14 maggio ci prepariamo psicologicamente al lungo
viaggio di ritorno Port Sudan Kartoum Dubai Roma....



----Android NewsGroup Reader----
http://usenet.sinaapp.com/
Max max
2015-05-24 08:37:20 UTC
Permalink
Raw Message


Loading...